Musica di Verdi

Le sinfonie che porti nel cuore

Month: April 2016

Bambine belle in tutte le occasioni

Che si tratti di una cerimonia nuziale, di una festa di compleanno, di un battesimo o di una comunione, anche le bambine vogliono sentirsi delle vere e proprie principesse nelle occasioni speciali.

I vestiti da cerimonia per bambina proposti per l’anno 2016 prevedono grandi variazioni in termini di tagli e lunghezze, tinte e leggerezza dei materiali, in modo da fornire ampio margine di scelta.
A mezze maniche, a bretelle larghe o con maniche a tre-quarti, quasi sempre gli abiti preferiti, sia da mamme che da bambine, sono quelli con bustino e gonna a ruota e con lunghezza al ginocchio.

La scelta spazia tra la semplicità dell’intero vestito, impreziosito da dettagli di paillettes o pizzo e da nastri o fiori e la maestosità di abiti lunghi alla caviglia, particolarmente ricamati e importanti.
Le lavorazioni spesso si dividono tra porzione superiore e porzione inferiore, lasciando la gonna liscia se il corpino appare ricamato e ricco di dettagli e viceversa.
Il pizzo è uno dei tessuti più richiesti sugli abiti da cerimonia per bambine, sia perché fornisce quell’idea di eleganza femminile, sia perché asseconda il desiderio delle bimbe di sentirsi delle piccole importanti donne.

Sottogonne di tulle rendono più ampia la ruota della gonna che, per questo, tende a contrapporsi alla semplicità di un bustino in raso o in tessuto liscio.
Applicazioni floreali possono presentarsi qua e là sull’abito, così come solo sulle maniche o sui bordi della gonna.
Anche i merletti si stagliano tra le tendenze dei vestiti da cerimonia per bimbe, riducendosi però a pochi e discreti volants su maniche e gonnellini.
Cinte di nastro di raso sono quasi onnipresenti, di spessore e colore completamente variabile dal blu al rosso, dal rosa al marrone, dal grigio perla al giallo, per dare un tocco di colore e luce ad un capo che solitamente viene scelto in colori chiari e delicatissimi.

Le tinte preferite infatti restano sempre quelle dell’avorio, del bianco candido, del rosa e del celeste chiarissimo o dei colori pastello appena accennati.
Molto in voga quest’anno sono i colori dell’arancio, del lilla e del verde acqua, che non diventano protagonisti dell’intero vestito ma solo il dettaglio di colore che riempie di novità l’abito da cerimonia.
Molto usato e apprezzatissimo è poi il color oro che riveste cinture, cerchietti per capelli e ricami del corpetto, senza diventare eccentrico ma discreto e sobrio.

Auto di altri tempi

La Fiat Uno è un’automobile italiana entrata in commercio nel 1983. Si tratta di una delle vetture più vendute di tutti i tempi, grazie agli oltre 9 milioni di unità prodotte nei suoi 12 anni di presenza sul mercato.

La Fiat Uno è una berlina a due volumi, lunga 3,64 metri, larga 1,55 metri e alta 1,43 metri. Disponibile sia in versione a tre che a cinque porte, l’utilitaria torinese riscosse un grande successo grazie alle sue forme semplici, all’elevata comodità interna e ai bassi consumi di carburante. Nel 1984 la Uno venne eletta ‘Auto dell’anno’, fattore che la consacrò come la più apprezzata tra le utilitarie.
Al debutto la vettura era disponibile con tre diverse motorizzazioni: un propulsore da 900 centimetri cubici in grado di sviluppare 45 cavalli; un motore da 1,1 litri dalla potenza di 55 cavalli; un 1300 cc da 68 cavalli, il più prestazionale fino a quel momento. Successivamente furono introdotti due propulsori diesel da 1,4 litri, uno dei quali in versione turbo da 70 cavalli. Nel 1985 fu lanciato un motore destinato a ottenere grandi consensi: un 1000 centimetri cubici da 45 cavalli, dotato di maggiore brillantezza rispetto alla precedente motorizzazione della medesima potenza e più parsimonioso per quanto concerne i consumi.

auto

Nel 1989 la Fiat decise di aggiornare la Uno, dando il via alla seconda serie, la quale si differenziava dalla prima anche a livello estetico. Le forme più accattivanti e la maggiore dotazione di optional, anche per quanto concerne il modello base, giocarono un importante ruolo per la prosecuzione del successo commerciale dell’utilitaria italiana. La Fiat Uno fu affiancata nel 1993 dalla Punto, auto che si collocava all’interno dello stesso segmento e che si faceva apprezzare per la maggiore modernità. La Uno rimase comunque in commercio fino al 1995, anno in cui uscì definitivamente dal mercato italiano.

Un discorso a parte merita la Fiat Uno Turbo, versione sportiva della berlina. Disponibile già a partire dalla prima serie, la versione turbo si distingueva per via di forme più aggressive, di spoiler e di finiture di maggior pregio, come le cromature sullo scarico. Per quanto riguarda le motorizzazioni, la Uno Turbo fu commercializzata, nel corso degli anni, con due diversi propulsori: un 1300 centimetri cubici dalla potenza di 105 cavalli e un 1,4 litri in grado di sviluppare 118 cavalli e di spingere la vettura alla velocità massima di 205 chilometri orari, performance di levatura eccezionale per un’utilitaria.

 

[Top]